Senza categoria

Voi si che mi piacete!

Buonasera a tutti! Stasera spero di allietarvi con i prodotti che più ho amato a giugno…ecco quali sono!

Immagine

Partendo da sinistra in senso orario:

 

  • Bagnoschiuma all’olio di mandorle dolci, I Provenzali: l’orzata fatta bagnoschiuma!!!
    Ahah, non so se conoscete questo sciroppo alla mandorla che si mette nel latte, fatto sta che questo bagnoschiuma ha lo stesso profumo paradisiaco. E’ un bel bottiglione e io purtroppo l’ho quasi finito, infatti lo sto centellinando; è molto emolliente, la profumazione un po’ rimane e si espande per il bagno intero…ora ne sto parlando ed ho in pratica gli occhi a cuoricino! Insomma mi ci trovo benissimo.
  • Tonico per il viso alle mandorle dolci, Bottega Verde: come potete capire la mandorla mi piace, eheh!
    Allora il tonico io sostanzialmente lo uso  per rimuovere il latte detergente quando mi strucco o in alcuni casi quando sento la necessità di rinfrescare la pelle. Con questo in particolare mi ci trovo bene perché sento proprio la pelle più fresca dopo averlo passato e anche idratata.
  • High impact mascara, Clinique: secondo me è un ottimo rimmel perché mi allunga e mi infoltisce le ciglia. Inoltre le definisce e le separa ma senza creare quell’orribile effetto zampe di ragno. Promosso a pieni voti!
  • Soft fard compatto, Bottega Verde: mi piace molto questo fard perché non gli trovo difetti! Abbastanza pigmentato, si applica e si sfuma bene e inoltre ha una buona durata. Lo stesso colore e cioè il rosa  lo ha pure mia mamma ed è soddisfattissima anche lei. Dà proprio un effetto di “guanciotte sane” che è molto carino.

Questi sono i miei promossi…qualcuna di voi li ha mai provati? O invece quali sono state le vostre scoperte del periodo che avete trovato molto buone? Fatemi sapere. 🙂

Buon sabato sera ragazzuole, un bacione!
Elena

Annunci
Senza categoria

N.C.S. Non Ci Siamo!

Ciao a tutti! Oggi vi parlo dei prodotti che non mi sono per niente piaciuti, per i quali proprio non ci siamo. Sono solo tre ma soprattutto due sono stati una delusione cocente da cui mi sto riprendendo.

  • Olio anticellulite alle 10 erbe, Khadi:
    Immagine

    quest’olio l’avevo preso con il primo ordine fatto da ecobelli (ebbene si, ce ne è stato un secondo ma ve ne parlerò in seguito!) mi sembra a fine aprile e ci ho messo un po’ prima di recensirlo perché volevo testare i suoi effetti, cosa che faccio con tutti i prodotti. Avrei tanto voluto decantarvi questo prodotto, parlarvi di come l’azione combinata delle 10 erbe mi abbia rassodato la pelle, ma, ahimè, non è avvenuto nulla di tutto ciò. Mi ha fatto scoppiare un’allergia sulle gambe che solamente ora è quasi del tutto passata e considerate che l’ho utilizzato solo due volte per capire se fosse realmente lui la causa dello sfogo e posso dirvi con assoluta certezza che è lui. Ora non so se questa è la tattica dell’olio e cioè provocare una reazione che ti fa cascare la pelle e con essa pure la cellulite però mi sembra un po’ esagerata.
    L’ho pagato 13.90 e ora non so che farci…datemi qualche idea, vi prego…ho pensato di condirci l’insalata ma non so se sia proprio il caso (eheh scherzo ovviamente! :-P).
  • Nutri extra fluido, Vichy:
    Immaginequesti campioncini me li ha dati un’amica di mamma in quantità quasi industriali. Qualche settimana fa dopo la doccia, attirata dal nome ( so che la vichy è una marca buona) e dal fatto che fossero nutri extra , li metto sulle gambe, che di solito ho un po’ secchette. Passato un po’ di tempo, tipo un’ora o su per giù, mi guardo le gambe e mi sembrano di nuovo secche, le tocco e in pratica lo erano di nuovo! Come se non avessi usato nulla…che delusione. Dunque non vale niente, ha una consistenza molto leggera al tatto ma non pensavo fosse così pessimo…bocciatissimo proprio.
  • Ultra gloss nail shine, Essence:
    Immagine
     

    è un top coat che metto sulle unghie dopo che lo smalto si è asciugato ma non mi piace per niente. Rende più lucida l’unghia si, ma non chissà quanto e però non migliora assolutamente la durata dello smalto, che si scheggia troppo presto.
    Praticamente applicarlo o non applicarlo dà lo stesso risultato.Questi sono stati i miei bocciati, i quali presto saranno seguiti dai promossi.
    Volevo chiedervi: dato che ho parlato di un prodotto anticellulite vi piacerebbe un post un po’ più specifico su altri cosmetici che ho utilizzato a tal proposito? Fatemi sapere. 😉
    Io ora torno a studiare, domani e dopodomani saranno giornate di esami e se andranno bene magari mi premierò con qualche nuovo acquisto…vedremo!
    Un bacione, ciao!!!
    Elena

Senza categoria

Oggi parliamo di…

Salve a tutte, ragazze! 
Oggi parliamo di hennè: innanzitutto che cosa è?
Allora (momento Piero Angela) l’hennè è una polvere che viene usata per fare tatuaggi temporanei ma anche per tingere i capelli; io ho utilizzato quello di Lush, che avevo già provato e con cui mi ci ero trovata molto bene, e in questo post voglio mostrarvi passo passo come l’ho applicato.
Immagine

Considerato che ho tagliato i capelli abbastanza corti, dei 6 quadretti che compongono il panetto ne ho staccati due e come prima cosa li ho passati in forno per 10 minuti a 150-160 gradi per ammorbidirli, altrimenti sono durissimi da sbriciolare.
Nel frattempo ho messo a bollire dell’acqua; trascorsi i 10 minuti ho preso l’hennè e l’ho messo nella ciotolina, ho aggiunto a poco a poco l’acqua bollente e ho iniziato a mescolare. Dovete ottenere una pappetta densa così:
Immagine

A questo punto  ho indossato i guanti di lattice (metteteli se non volete tingervi pure le mani! XD) e ho iniziato ad applicare l’hennè sui capelli, partendo dall’attaccatura e andando fino alla fine della ciocca. Poi ho preso la pellicola e mi sono incellophanata la testa per bene (ebbene si, ho immortalato anche questo momento per la vostra gioia!).
Immagine

Fatto ciò arriva la parte un po’ più noiosetta: aspettare. Di solito io aspetto almeno 2 ore, comunque sia il principio dell’hennè è che più sta su più avrete un colore intenso. Trascorso il tempo ho lavato i capelli normalmente e li ho sciacquati a lungo per eliminare tutti i residui. Questo è il risultato finale:
Immagine

Da brava furba non vi ho messo una foto del prima e quindi potete ammirare solo il dopo, però credetemi se vi dico che i capelli sono molto più rossi…io di base sono castana con i riflessi ramati, quindi utilizzando l’hennè Come un sole rosso acceso ho ottenuto un colore che appunto vira più al rosso che al castano e che mi piace molto! 🙂

Queste sono le fasi ma voglio dirvi ancora due cosine: c’è chi mentre prepara l’hennè aggiunge aceto, oppure thè nero, o limone, io invece non aggiungo nient’altro che acqua in quanto mi sembra che quello di Lush sia abbastanza completo, infatti contiene già del succo di limone, oltre che oli essenziali e burri vegetali ed è proprio una coccola; me ne accorgo dopo che ho lavato i capelli quanto siano molto più corposi e morbidi…insomma li vedo proprio stare bene. 🙂
Inoltre proprio perchè è un hennè ricco io di solito durante il lavaggio non applico mai il balsamo per evitare di appesantire troppo i capelli.

Credo proprio di avervi detto tutto, fatemi sapere se vi ho incuriosite su l’hennè e se lo proverete o, se lo avete già provato, come vi siete trovate, io intanto vi mando un bacio.
Elena

Senza categoria

Scrub fatto in casa!

Buonasera a tutte! Stasera vi scrivo di come realizzo lo scrub in casa: bastano pochissimi ingredienti, che sono tra l’altro facilissimi da trovare, per avere un prodotto buono e anche economico!
Immagine

La ricetta l’ho presa da Clio (che la mostrò mentre lavorava per real time) e l’ho un po’ modificata. Ecco le dosi:

  • 2 cucchiaini e mezzo di olio di mandorle;
  • 1 cucchiaio pieno e 1 raso di miele;
  • 2 cucchiai di zucchero.

Mescolo tutto et voilà, lo scrub è pronto.

ImmagineCome vedete la ricetta è semplicissima e velocissima; volendo e se lo avete potete alternare un cucchiaio di zucchero di canna e uno di zucchero normale, in modo tale poi da avere granelli di consistenza diversa, ma è una cosa assolutamente facoltativa.
Devo dire che con questo scrub mi ci sto trovando proprio bene e non lo sto comprando più: lo utilizzo circa una volta ogni 7-10 giorni e mentre lo applico con le dita leggermente bagnate lo massaggio con movimenti circolari per 1 o 2 minuti. Dopo che l’ho risciacquato io non mi ritrovo la pelle unta o appiccicosa, comunque sia se dovesse succedere a voi credo che basti sciacquare il prodotto con un po’ di acqua e sapone e il gioco è fatto!
Infine due paroline le voglio spendere per l’olio di mandorle: questo che ho usato io è dei Provenzali e mi ci sono trovata benissimo!
L’ho usato per farci lo scrub più e più volte, sulle gambe e sul resto del corpo quando ho la pelle secca, sulle labbra screpolate, per togliere i residui di cera dopo la ceretta…insomma mi è mancato solo di condirci l’insalata! Scherzi a parte, è molto valido perchè non è un olio eccessivamente pesante, si assorbe facilmente e dopo l’uso la pelle ringrazia.

Questo per stasera è tutto, ora io mi vado a spaparanzare sul divano e a voi auguro una buona serata e una buona notte per dopo.
Un bacio,
Elena