Senza categoria

L’ho finito, lo ricompro? #15

Good morning people!

Qui a Roma sembra essere finalmente arrivato l’autunno; c’è una bella arietta frizzantina e quindi ho già dato il benvenuto a sciarpone, maglioncini e thè caldi…quanto love! ❤
Oltre a ciò, ci sono una serie di prodotti che ho finito e di cui vi sto per svelare se vale la pena ricomprarli o meno.

Comincio dal viso.
finiti-viso
Starlet, Neve Cosmetics: dunque lui è stato il mio primo blush minerale ed all’inizio ho dovuto capire come e quanto dosarlo per non rischiare di sembrare Heidi; una volta capito ciò, l’applicazione è stata tutta in discesa!
Buona la durata e anche la sfumabilità, il colore è un rosa mattone totalmente opaco che io ho trovato ideale soprattutto durante i mesi freddi perchè è una tonalità molto naturale e non accesa.
Il costo è di 12.90 € per 4 g di prodotto.
Lo ricomprerei?
Direi di sì perchè le impressioni sono state positive, tuttavia siccome a me piace cambiare ( come alle scale in Harry Potter XD ), un blush di Neve che punto da tanto è Pop Corn…chissà che io non riesca ad agguantarlo prima o poi!

Non Ti Scordar di Me, Lush: e quando mai potrei!!!!
Che dirvi…ormai lui è LO struccante per i miei occhi. Perchè non mi brucia, leva tutto, qualsiasi tipo di trucco, non è aggressivo nemmeno sulle ciglia…è davvero ottimo.
Lo uso anche sulle labbra, per levare i rossetti più resistenti ed ogni tanto sul viso quando lo voglio idratare prima di andare a dormire. Dopo di che con un detergente elimino i residui.
45 g costano 10.95 € ed è un prezzo che ammortizzate nel tempo perchè io con questa quantità ci vado avanti per almeno un anno.
Lo ricomprerei?
Uuuuh avoja, già fatto. 😉

finiti-capelli

Ultra Dolce Shampoo, Garnier: all’olio di avocado e burro di karité, questo shampoo mi ha causato tantissima forfora già dopo i primi lavaggi, costringendomi a comprare poi un apposito prodotto antiforfora.
Lo ricomprerei?
Assolutamente no.

Styling Mousse, Nivea:  mi piace tantissimo questa mousse perchè non dà l’effetto riccio appiccicato o bagnato, che non sopporto tanto. Invece lei lascia i capelli morbidi e tutti boccolosi, senza appesantirli.
Sono 150 ml ad un costo di 2.99€.
La ricomprerei?
Già fatto!

Balsamo al cocco, Splend’Or: su questo balsamo ho sentito pareri contrastanti, io posso dire che con me ha sempre fatto suo dovere più che bene; l’ho utilizzato anche per il Cowash ed i capelli poi erano morbidissimi. L’unica pecca è il profumo: un profumo al cocco buonissimo che però non rimane per niente…Splend’Or fa qualcosa, su!
Lo ricomprerei?
Assolutamente si, anche per via del costo che mi pare sia sotto i 5 €.

finiti-corpo

SPF 40 Body Cream, Clinique: allora come crema solare non è male perchè fa il suo dovere, però è estremamente densa e pastosa e prima che si spalmi tutta è già ora di ritornare a casa dal mare…voi capite che preferirei qualcosa  di un po’ più veloce.
Non ricordo il costo ma mi pare fosse tra i 20 e i 30 €.
La ricomprerei?
Nah.

Atollo 13, Lush: lo scrub è ottimo: non è troppo aggressivo, però al tempo stesso mentre lo massaggiate sentite che sta lavorando. Ha un bellissimo colore azzurro e il profumo è molto fresco ed agrumato. Costa 14.50 € e sono 350 g.
Lo ricomprerei?
Se ne avrò l’occasione si!

Levasmalto delicato, Bottega Verde: questo levasmalto senza acetone non è male…toglie lo smalto senza troppi strofinamenti, ha un buon odore di miele anche se un po’ forte; però il foro di apertura secondo me è troppo grande e quindi credo che esca più prodotto di quello necessario: ciò è un difetto non indifferente perchè 50 ml hanno un prezzo di 8.99€ e pagare quasi 9€ per una bottiglietta così piccola mi sembra eccessivo.
Lo ricomprerei?
No, per il costo che ha non ne vale la pena.

Deodorante Pure, Dove & Neutro Extra Delicato, Infasil: i deodoranti li recensisco insieme anche se i pareri sono differenti. Il deodorante Dove è senza profumo…ora quando l’ho comprato ce lo sapevo, tuttavia pensavo che un minimo di profumazione ci fosse e invece nada de nada. Metterlo o non metterlo non fa differenza dunque è proprio una formulazione che io  non capisco.
Al contrario il deo Infasil è stato il mio fido compagno durante i giorni estivi più torridi: un odore neutro, ma piacevole, fresco e persistente…il top d’estate.
Li ricomprerei?
Dove manco se minacciata, Infasil l’ho già ricomprato.

Bene gente, per oggi questo è tutto, lasciatemi un commentino se vi va e fatemi sapere se avete provato anche uno solo di questi prodotti. 🙂

Buon sabato sera!

Elena

Annunci
Senza categoria

Promossi del periodo!

Buonasera a tutti!
Come è andato questo 2 giugno? Qui a Roma il tempo non è stato granchè e dunque oggi pomeriggio…muffins! Li adoro ragazzi; adoro farli e di conseguenza mangiarli e poi trovo siano perfetti in qualsiasi momento della giornata. Ma questo non è un blog di cucina e dunque passo a parlarvi dei prodotti che in quest’ultimo periodo mi gustano proprio. 🙂

Iniziamo da mani e capelli.
promossi corpo

  • Balsamo Splend’Or: ne ho già parlato nel post sul cowash, scrivendone positivamente; infatti mi ci trovo bene, districa i nodi, nutre i capelli senza appesantirli. Il risultato è un riccio morbido, definito ed idratato ad un prezzo davvero conveniente se pensate che questo balsamo costa meno di 5 euro. Il profumo è al cocco ma non rimane per niente e questo è un peccato perché amo il cocco e la sua profumazione, ma vabbé!
  • Crema Ultra-Nutriente, Yves Rocher: un’ottima crema mani. Corposa al punto giusto ma si assorbe in pochissimo! Ero incredula le prime volte in cui la usavo poiché per me la densità di una crema per le mani è direttamente proporzionale al tempo che tale prodotto impiega ad assorbirsi. Invece qui magia! La crema viene assorbita dalla pelle in pochissimi minuti e subito vi accorgete dell’idratazione che rilascia.
    Questo fa di lei un mai più senza sia d’estate che d’inverno. E’ all’arnica, quindi la profumazione sa di arnica ma non chiedetemi di descriverla perché non son capace e poi non ha parabeni; non so il prezzo in quanto è stata un regalo.

    p. promossi

  • Signature Eyemarker, Kiko: questo eyeliner fa parte di una delle ultime collezioni del brand, The Artist, la quale credo sia ancora disponibile nei negozi; fateci un salto poiché per questo prodotto ne vale la pena. E’ davvero valido: si stende benissimo, è nero opaco con una fantastica scrivenza già dalla prima passata  e non cola: l’ho testato per più di mezza giornata e in questo arco di tempo non subisce variazioni.
    La cosa più bella è la punta:
    punta eye liner kikoinfatti essendo così arrotondata segue bene la curva dell’occhio perciò è facilissimo da stendere perfino nel momento della codina, la quale può essere fatta sia sottile che un po’ più spessa.
    Che altro dirvi…costa 6.90 euro…affrettateviiiii!!! 😉
  • I love nude eyeshadow, Essence: giuro che è davvero lui l’ombretto che vedete nella foto! Purtroppo le scritte si sono scolorite già da subito, quindi dovete fidarvi. 😉
    Ho la colorazione 04, sweet like chocolate, ovvero un bel marrone caldo e opaco, ma non troppo scuro. Ecco lo swatch:
    swatch essence i love nude
    Diciamo che è una sorta di nocciola con il quale mi trovo benissimo. La resa è fantastica, sia con o senza primer l’ombretto si fissa e non va assolutamente nelle pieghe della palpebra; si sfuma bene e non è polveroso.
    E’la mia manna dal cielo in quei giorni in cui non so come truccarmi: metto questo, un po’ di rimmel e di matita e il trucco occhi è fatto.
    Non ricordo bene il prezzo ma comunque si sa che Essence è molto low cost e ci sono altre 5 colorazioni sempre sui toni del nude, ovviamente. 🙂
  • Mascara a tutto volume effetto ciglia finte, Bottega Verde: dunque è un buon mascara ma non dà propriamente un effetto ciglia finte, siamo obiettivi con noi stessi Bottè!
    Tuttavia mi piace tantissimo come apre lo sguardo: ha un potere non solo volumizzante ma anche allungante. Inoltre trovo che curvi parecchio le ciglia senza usare assolutamente il piega ciglia…effetto occhi da cerbiatta assicurato. 😉
    Costa 14.99 euro ma io l’ho acquistato con uno sconto, pagandolo così solo 5 euro, yuppi!

 

Bene gente, per questa sera è tutto! Io sono leggermente stanchina ma non troppo, dunque suppongo che prima di crollare mi vedrò una puntatina di Game of Thrones.
Buona serata a tutti!
Un bacio,

Elena

 

Senza categoria

Oggi parliamo di Cowash!

Ma buonasera gente!!!
Ebbene si, ci sono cascata pure io e ho fatto il Cowash, ovvero Conditioner Only Washing: in pratica mi sono lavata i capelli usando semplicemente e solamente il balsamo.

Questo trend gira sul web da un po’ e mi ha incuriosita tantissimo sin dall’inizio, pur lasciandomi un po’ scettica: infatti temevo che usando solo il balsamo i capelli mi si sarebbero ingrassati ma così non è stato.

Per realizzare il Cowash vi servono solo due “ingredienti”:
cowash
zucchero di canna e balsamo! Apro una parentesi sul balsamo: siccome ne serve un po’, il mio consiglio è di non utilizzare un balsamo che costi troppo, perchè andrebbe sprecato; compratene uno con un buon Inci ma il cui prezzo sia abbordabile.
Ho sentito recensire positivamente lo Splend’ Or sia sui blog sia su alcuni canali youtube ed in effetti mi ci sto trovando decisamente bene.
Gli effetti positivi di questo tipo di lavaggio sono dovuti al fatto che i balsami contengono meno tensioattivi rispetto agli shampoo e quindi risultano meno aggressivi; l’utilizzo dello zucchero di canna  consentirà di fare uno scrub, il quale sgrasserà naturalmente la cute, pulendola.
Le dosi che ho usato io sono state: mezzo bicchiere di plastica riempito di balsamo e due cucchiaini di zucchero di canna.
Dopo aver mescolato il composto l’ho applicato sui capelli precedentemente bagnati, cominciando dal cuoio capelluto e massaggiando con i polpastrelli effettuando un movimento circolare; poi piano piano sono scesa sulle lunghezze, districandole con le mani. In tutto ho lasciato in posa il composto per circa 5 minuti e poi ho risciacquato con abbondante acqua.

I risultati?
Strabilianti! Come ho già detto, ero perplessa sulla riuscita del Cowash, ma mi sono dovuta ricredere. I capelli sono apparsi morbidissimi, setosi al tatto e anche più voluminosi; i ricci stessi sono rimasti più definiti e lucenti.
Tra l’altro non mi si sono sporcati prima del tempo, bensì ho rilavato la chioma dopo 6 giorni.
Che dire…sono diventata una fan del Cowash, ehehheh! Io poi che vengo da un periodo in cui i capelli mi si sono un po’ seccati a causa di un balsamo decisamente NO, dopo che li ho lavati così ne ho tratto solo benefici.

Spero di esservi stata utile e fatemi sapere se avete mai provato questo trattamento. 😉

Buona serata e baci!

Elena.